• 2 Feb 2021
      • News,

Indagini con georadar: metodo e applicazioni

A questo punto del nostro approfondimento sulle prove non distruttive, affronteremo una tipologia di indagine che negli ultimi anni ha assunto una grande rilevanza per la diagnostica della sicurezza delle infrastrutture civili; le indagini in questione sono le prospezioni georadar che, attraverso l’impiego di onde elettromagnetiche, consentono di indagare il sottosuolo ed elementi e materiali di vario genere.

< Non perdere nessuna delle nostre news, iscriviti subito alla newsletter! >

L’impiego di onde elettromagnetiche per l’individuazione di oggetti nel sottosuolo compare per la prima volta intorno agli inizi del 1900 e comincia a trovare largo impiego solo intorno alla metà del secolo, prima nel campo delle indagini sugli strati rocciosi e poi nelle esplorazioni lunari.
È sul finire degli anni ’70 che la tecnologia comincia a trovare applicazione anche nei servizi pubblici e nell’ingegneria civile nell’ambito delle prove non distruttive, ad esempio per il monitoraggio e la rilevazione di fondamenti e ferri di armatura.

Indagini con georadar: tutte le applicazioni del georadar

Gli ambiti di applicazione della tecnologia GPR (Ground Penetrating Radar) attualmente sono tanti e di diversa natura: analisi ambientali e mappatura del sottosuolo, strade, tunnel e gallerie, servizi sotterranei, archeologia, indagini forensi.
La tecnologia consente di acquisire informazioni dettagliate del sottosuolo o del materiale in esame (radargramma) senza dover operare scavi o fori e la facilità, la velocità e l’affidabilità di questa metodologia spiega la sua applicazione in ambiti tanto diversi.
In questo articolo illustreremo come funziona il georadar e vi consiglieremo due prodotti Novatest per effettuare le vostre indagini non distruttive con il georadar.

Indagini con georadar: come funziona il georadar?

La metodologia GPR consiste nell’invio da parte di un’antenna di impulsi elettromagnetici a frequenza variabile; questi impulsi si propagano attraverso la superficie da indagare e quando incontrano una superficie con caratteristiche diverse, una parte di quelle onde elettromagnetiche si riflette tornando indietro verso la superficie, dove l’antenna ricevente le capta. La strumentazione georadar consente di misurare anche il tempo di riflessione delle onde elettromagnetiche restituendo informazioni importanti su eventuali discontinuità presenti nell’elemento in esame.

La profondità di rilevamento dipende sia dal materiale in esame sia dalla frequenza dell’antenna utilizzata.
Le basse frequenze permettono una maggiore profondità di rilevazione e le alte frequenze restituiscono una migliore risoluzione dell’immagine della superficie investigata.
Per questa ragione solitamente si utilizzano le frequenze basse per l’individuazione di eventuali target in profondità e le alte frequenze per avere immagini radar il più dettagliate possibile.

Indagini georadar: Georadar VIY5

Georadar VIY5 è il georadar mono/multifrequenza con tecnologia Tolbin e software 3D integrato.

Vuoi conoscere meglio le caratteristiche tecniche e i vantaggi d’uso di Georadar VIY5? Richiedi subito una consulenza gratuita!

Indagini georadar: Georadar Cobra CBD

Georadar Cobra CBD è il georadar wireless multifrequenza 200/400/800 MHz con ampiezza di banda da 50 a 1400 MHz.

Vuoi conoscere meglio le caratteristiche tecniche e i vantaggi d’uso di Georadar Cobra CBD? Richiedi subito una consulenza gratuita!

In questo articolo abbiamo illustrato una metodologia di prova non distruttiva che ha trovato largo impiego in settori diversi negli ultimi anni, il georadar. Abbiamo visto come il metodo della propagazione e della riflessione delle onde elettromagnetiche sia utile nella rilevazione di oggetti e discontinuità presenti nel sottosuolo o in altri materiali come il calcestruzzo o la muratura come abbiamo già avuto modo di approfondire in altri articoli.
Se vuoi avere maggiori informazioni sui servizi e gli strumenti che Novatest mette a disposizione dei professionisti del settore non esitare a contattarci tramite il form.

< Non perdere nessuna delle nostre news, iscriviti subito alla newsletter! >

Ultime news

Seguici e resta sempre aggiornato su tutte le attività di Novatest.

24.02.2021

Prove in situ: strumenti per il monitoraggio e acquisizione dati

Abbiamo avuto modo, in uno dei nostri primi approfondimenti, di sottolineare come il patrimonio infrastrutturale italiano versi in uno stato…

18.02.2021

Pali di fondazione: prova di carico, prova ecometrica e cross-hole

Abbiamo avuto modo di illustrare in articoli precedenti il ruolo di primaria importanza che ha il monitoraggio strutturale ai fini…

11.02.2021

Guida utile alla prova di carico

Nell’ambito della diagnostica strutturale ovvero tra le indagini e il monitoraggio finalizzato alla valutazione dello stato di conservazione, dell’efficienza e…

Hai bisogno di consulenza o assistenza?

Compila il form con i tuoi dati specificando di cosa hai bisogno nella sezione Tipo di Richiesta. Il nostro team è a tua disposizione per trovare la migliore soluzione alle tue esigenze.



    * Campi obbligatori