Corso di qualifica per ispettori di ponti, viadotti e passerelle

CORSO DI QUALIFICA per ispettori di ponti, viadotti e passerelle

Secondo il Regolamento RINA RC/C18 per la certificazione del personale addetto alle prove non distruttive, semidistruttive sulle strutture in calcestruzzo, calcestruzzo armato e precompresso, muratura.

OBIETTIVI

IL CORSO PREVEDE LO STUDIO DELLA METODOLOGIA, L’ANALISI DI CASI STUDIO, ESERCITAZIONI PRATICHE CON SUCCESSIVA ELABORAZIONE DEI DATI PER LA PREPARAZIONE ALL’ESAME DI SECONDO LIVELLO

SORVEGLIANZA E CONTROLLO OPERE D’ARTE STRADALI La gestione delle opere d’arte stradali ha assunto da anni un’importanza sempre maggiore nel settore dell’ingegneria civile e l’impegno di risorse ad essa destinato riveste un’incidenza considerevole nei bilanci di chi gestisce tale patrimonio. Solo le opere costruite negli ultimi anni sono dotate di un piano di manutenzione (D.P.R. 554/99 e D.P.R. 207/2010), redatto dallo stesso progettista, che consente una programmazione dei controlli e degli interventi, con l’obiettivo di minimizzare le spese ed allocarle nel tempo di vita nominale del manufatto. Per le opere infrastrutturali, invece, che non hanno un piano di manutenzione, e che sono la quasi totalità di quelle esistenti nel nostro paese, è compito del gestore controllare che lo stato di conservazione sia sempre tale da garantire la sicurezza e la fruizione completa del bene. Il controllo delle opere d’arte stradali è regolato in Italia dalle Circolari Ministeriali del 19/7/67 e da quelle successive all’introduzione delle norme sui ponti del 1980 e del 1990. I punti salienti della Circolare del ’67 sono l’istituzione di un’ispezione trimestrale (eseguita da tecnici diplomati) e di un’ispezione annuale (eseguita da ingegneri); la Circolare illustra le modalità di esecuzione delle ispezioni e prevede la compilazione di un rapporto a seguito delle stesse, oltre alla compilazione di una scheda dove vengono riportati i dati salienti del manufatto e le sue caratteristiche principali. Per migliorare quanto fino ad oggi fatto, è necessario rendere pienamente operative tutte le prescrizioni che le NTC 2008 danno per le opere di nuova realizzazione e per gli interventi su quelle esistenti, in modo da superare le insufficienze del passato, ed inoltre agire per un aggiornamento della legislazione su ispezioni e controllo dei ponti, che comincia ad essere piuttosto datata. Infine è opportuna la nascita di una vera e propria figura professionale, l’ispettore dei ponti, formato ed addestrato, ma anche certificato da un Ente accreditato a svolgere la sua attività.

PROGRAMMA DIDATTICO

PROGRAMMA DEL CORSO rina DI 1° LIVELLO CERTIFICAZIONE ISPETTORI DI PONTI SU STRADE E AUTOSTRADE

1. PREMESSA La manutenzione programmata I requisiti indispensabili per applicare la manutenzione programmata La sorveglianza delle opere d’arte stradali

2. NORMATIVE DI RIFERIMENTO – OBBLIGHI LEGISLATIVI

3. DEFINIZIONE DEGLI ELEMENTI STRUTTURALI DI UN PONTE

4. CENSIMENTO DI UNA STRUTTURA: TEORIA ED ESECUZIONE IN CAMPO Le schede anagrafiche – Regole per la compilazione I dati specifici per i ponti Le misure per impalcati obliqui Esecuzione in campo Le tabelle relative alle strutture dei ponti Gestione della sicurezza in campo

5. RAPPORTO DI CENSIMENTO – L’ARCHIVIO E L’ORDINAMENTO DELLE OPERE Le opere fuori sede I documenti da reperire e conservare

6. ANALISI DEI DATI DI CAMPO Esempio di utilizzazione di un sistema informatico: il programma per la gestione automatizzata del sistema Le interrogazioni della banca dati Le ricerche anagrafiche

7. ESAME DI CERTIFICAZIONE

PROGRAMMA DEL CORSO rina DI 2° LIVELLO CERTIFICAZIONE ISPETTORI DI PONTI SU STRADE E AUTOSTRADE

1. PROCEDURE D’ISPEZIONE VISIVA DELLO STATO DI DEGRADO DI PONTI E VIADOTTI Pratiche in campo delle ispezioni visive: procedure di ispezione visiva dei difetti dei ponti e compilazione delle schede di ispezione La catalogazione dei difetti La consultazione dei difetti Le schede del catalogo dei difetti Rilievo dei parametri fessurativi e difettologici: il metodo di assegnazione del voto Esempi di valutazione dei difetti Rilievo di ulteriori parametri per la descrizione dei difetti

2. STUDIO DELLE ANOMALIE RISCONTRABILI PER I VARI MATERIALI Importanza d’individuare le giuste cause del degrado La durabilità La vita nominale di una struttura secondo la normativa di riferimento Tipologie di degrado delle strutture Cause di degrado del calcestruzzo: generalità Degrado del calcestruzzo: cause di degrado intrinseche e di progetto Degrado del calcestruzzo: cause di degrado dovute all’ambiente Degrado del calcestruzzo per reazione alcali aggregati Degrado delle strutture in muratura Degrado di natura chimica delle murature Degrado di natura biologica delle murature Degrado di natura fisica delle murature Degrado delle strutture in acciaio Degrado delle strutture in legno

3. RILIEVI PER LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEI COSTI DI  RIPRISTINO La scheda delle misure La scheda fotografie

4. LA RESTITUZIONE DEI DATI, PRODUZIONE DELLE TABELLE RIEPILOGATIVE DEI RILIEVI Il programma per la gestione automatizzata del sistema Le interrogazioni della banca dati Le ricerche anagrafiche Le ricerche sulle anomalie Le ricerche sui voti di gravità Le statistiche

5. ANALISI DI SINTESI PER UNA SERIE DI PONTI CON LA VALUTAZIONE DELLE PRIORITA’ DI                      INTERVENTO La relazione trimestrale Le tabelle che riassumono lo stato delle opere Le tabelle indicatori di qualità Le tabelle stato delle opere Le tabelle opere segnalate Le tabelle opere con voto massimo superiore a 3

6. ESEMPIO DI ISPEZIONI DI PONTI 7. ESAME DI CERTIFICAZIONE

OBIETTIVI DEL CORSO

Favorire la diffusione di cultura tra gli operatori § mettere a disposizione del mercato operatori qualificati in grado di operare professionalmente secondo regole e tecniche internazionalmente riconosciute § contribuire ad elevare gli standard di qualità di tutta la filiera di processo (costruttori strumentazione di diagnosi, operatori, progettisti, collaudatori, impresari, utenti).

PROGRAMMA ORGANIZZATIVO

Orario di svolgimento delle lezioni: tutti i giorni dalle 9,00 – 18,00 giorno esame: 9,00 – 13,00

QUORUM MINIMO PARTECIPANTI

Il corso verrà avviato al raggiungimento di minimo 10 iscritti.

La segreteria si avvale della facoltà di annullare, modificare o rinviare il corso nel caso in cui non si raggiungesse il quorum minimo di partecipanti, dandone comunicazione entro 3 giorni lavorativi prima della data di inizio.

DOCUMENTAZIONE RICHIESTA PER LA CERTIFICAZIONE

• Modulo di iscrizione al corso

• Domanda di certificazione al II° livello

• Curriculum vitae firmato

• Attestato di esperienza firmato dal datore di lavoro o da un libero professionista

• Certificato oculistico recente comprovante l’acuità visiva Jaeger n.1 o Times Roman n.4,5 ad una distanza non inferiore a 30cm e senso cromatico

• n.1 foto digitale

• Copia fotostatica del titolo di studio

• Copia fotostatica del documento di identità

COSTI DEDUCIBILI

L’attività di formazione rientra tra i costi deducibili nella misura del 100% per i redditi dei liberi professionisti (LEGGE 22 maggio 2017, n. 81 Misure per la tutela del lavoro autonomo – Jobs Act Art. 9 ).

ISCRIZIONE

Le iscrizioni dovranno essere confermate compilando il modulo di adesione all’indirizzo:

http://eepurl.com/bXFal9

Unitamente alla contabile del bonifico dell’acconto pari a 250,00 € + IVA da effettuare sul c/c intestato a:

Novatest S.r.l.

MONTE DEI PASCHI DI SIENA c/ord 61173783

SPIT58 A010 3037 3500 0006 1173 783

PROSSIMI CORSI IN PROGRAMMA

Scroll to top